Cos'è la regolarità? La regolarità è una specialità automobilistica a modesto contenuto agonistico, regolarmente riconosciuta e supportata dalla sezione sportiva dall Automobile Club Italia (ACI Sport), che ha preso piede da qualche anno nel nostro paese. Le gare di regolarità si suddividono in due grosse categorie: regolarità turistica e regolarità sport. Noi ci focalizzeremo principalmente sulla regolarità turistica che a sua volta è suddivisa in: Regolarità turistica auto storiche Regolarità turistica auto moderne L unica differenza tra le suddette categorie sta solo ed esclusivamente, come si evince dalle diciture, dalle auto col quale si può partecipare alle manifestazioni sportive, mentre tutti gli altri aspetti (regolamento, metodo di misurazione, classifiche) sono identici per entrambe le categorie. Definiremo in seguito le varie categorie di auto definite in base all età. Questo tipo di gare consistono in una serie di prove di precisione lungo un percorso che si articola su strade normalmente aperte al traffico con velocità di percorrenza non superiori a 50km/h. Durante le gare di regolarità ci si deve attenere scrupolosamente al C.d.S. visto che le F.d.O. e i sistemi di controllo restano comunque attivi.

  • Quali documenti servono per iscrivermi ad una gara di regolarità e come devo fare? Per iscriversi ad una gara di regolarità bisogna essere in possesso della tessera ACI Sistema, della licenza ACI sport per regolarità e del certificato medico di sana e robusta costituzione. Per ottenere la tessera ACI Sistema basta recarsi in uno degli Automobile Club Italiani (presente in ogni provincia), compilare un modulo e versare la quota associativa di 60. La tessera vi verrà recapitata a casa tramite posta. Per ottenere la licenza ACI sport bisogna frequentare un corso gratuito di due giorni che gli AC organizzano due volte l anno (di solito ad inizio e a fine anno), ricevuto l attestato recarsi presso uno degli Automobile Club Italiani (presente in ogni provincia), compilare un modulo e versare la quota associativa di 60 per ricevere la Licenza per Regolarità NAZIONALE, valida quindi per tutte le gare di regolarità che si svolgono in Italia. La licenza vi verrà spedita a casa. Per il certificato medico basta rivolgersi al proprio medico che svolta una visita vi rilascerà il certificato medico di sana e robusta costituzione, valido quindi per partecipare a queste gare. Il costo del certificato è di 30 ed ha validità un anno. E OBBLIGATORIO ESSERE IN POSSESSO DI PATENTE DI GUIDA CATEGORIA B VALIDA, NON SCADUTA, NON SOSPESA, NE RITIRATA PENA LA NON AMMISSIONE DELLA GARA E LA PERDITA DELL QUOTA DI ISCRIZIONE.
  • Come funziona una gara di regolarità? Le gare di regolarità come detto precedentemente sono gare di precisione fatte su varie prove con controllo cronometrico al centesimo di secondo. Questo vuol dire che non vince chi va più veloce nella varie prove, ma vince chi è stato più preciso a livello temporale a percorrere un dato percorso. Una gara è quindi formata da Prove Speciali (PS), controlli orari (CO), controlli timbro (CT) e trasferimenti. Il tratto di percorso nel quale viene rilevato il tempo è la PS, il tratto di percorso che lega due PS è detto trasferimento. Durante il trasferimento ci possono essere vari CO e CT. Il passaggio presso i CO e i CT è obbligatorio. Ad ogni equipaggio formato da navigatore e pilota o da solo pilota viene fornito un ROADBOOK o RADAR, una specie di stradario nel quale è indicato l intero percorso con disegni schematici di incroci, curve e punti fissi di riferimento che si trovano lungo il percorso come cartelli stradali, case, alberghi, chiese, ecc. Il RADAR include nella prima pagina una tabella tempi con la lunghezza kilometrica di prove e trasferimenti, i tempi imposti delle varie PS e i vari orari in cui si deve passare presso i CO. Nel radar inoltre sono segnati i punti di inizio e fine di ogni prova, compreso anche il tempo nel quale si deve effettuare le varie prove, nonché i punti dei CO e dei CT.
  • Prove Speciali (PS): Le prove speciali o PS sono i tratti cronometrati a tempo imposto (esempio 2,7 km da effettuare in 6 min e 50 sec). Il rilevamento della prova può essere effettuato tramite pressostato (tubo che fa partire la misurazione quando la vettura passa sopra con le ruote anteriori) o tramite fotocellula posta ad una H massima di 15cm da terra (in questo caso quando la macchina passa davanti la fotocellula, inizia anche il rilevamento). L inizio e il fine prova è di solito coadiuvato da cartelli gialli e rossi con specifici significati: Zona di rilevamento Zona di rilevamento Finchè si è all interno di questa zona non ci si può fermare, pena una penalità di 300 punti per Fermo ruota Valgono le stesse regole della partenza Normalmente il navigatore nel momento in cui la ruota tocca il pressostato di apertura fa partire il timer impostato precedentemente (nel caso di questo esempio 6:50) e la prova ha inizio. Arrivati al punto di fine prova il navigatore scandirà al pilota i secondi residui e sarà il pilota a dover capire quando passare sopra al pressostato di chiusura che decreterà la fine della prova. Ogni centesimo di secondo in più o in meno (quindi in ritardo o in anticipo) decreta l assegnazione di 1 punto di penalità. Non si possono comunque superare i 300 punti di penalità.
  • Legenda dei simboli visti in precedenza: Inizio prova Inizio zona di rilevamento Posizione pressostato o fotocellula Fine zona di rilevamento Fine prova Inizio zona di rilevamento Posizione pressostato o fotocellula Fine zona di rilevamento Il cartello giallo è posto normalmente a 25m da quello rosso che a sua volta dista altri 25 da quello arancio di fine prova. Le distanze però possono essere variabili senza preavviso, inoltre se la prova è di lunghezza inferiore o uguale a 250mt potrebbe essere che il cartello arancio di fine rilevamento inizio prova e il cartello giallo di inizio rilevamento di fine prova non siano presenti. Le PS possono essere di due tipi, apri-chiudi (come nel caso visto sopra) o concatenate, cioè la fine di una prova corrisponde con l inizio dell altra. In questo caso le difficoltà sono maggiori visto che nel punto di chiusura di una prova e apertura di un altra il pilota dovrà arrivare giusto allo scandire dei secondi sul pressostato e il navigatore dovrà sdoppiare (premere il pulsante del timer per far avviare il tempo della prova successiva) quando le ruote saranno sopra al pressostato, questo per evitare che l errore umano commesso dal pilota si protragga per tutte le prove concatenate. Controllo orario (CO): Il controllo orario o CO è il modo per tenere da parte dell organizzazione il ritmo della gara e non anticipare o posticipare la fine della manifestazione. I controlli orari (1 o più di uno durante la gara) sono obbligatori e devono essere fatti al momento giusto. Saltare un controllo orario prevede l esclusione dalla gara. Arrivare prima o dopo il minuto in cui deve avvenire il controllo orario dell equipaggio prevede 100 punti di penalità.
  • Per sapere quando è il momento giusto per fare il controllo orario basta fare un po di conti. Prendendo il RADAR consegnato alle verifiche si verifica prima quanti CO ci sono e ogni quanto vanno eseguiti. Se per esempio il RADAR segna un CO1 -> 1:32:00 e un CO2 -> 2:47:00 vuol dire che dall orario di partenza (mettiamo esempio alle 14:00) ci sarà un controllo orario alle 15:32 e un altro alle 16:47. A volte bisogna porre attenzione perché i CO sono parziali (nel caso è scritto comunque nel RADAR) e quindi uno avviene alle 15:32 e uno alle 18:19. Il controllo orario funziona come una PS e i cartelli sono simili, ma al contrario della PS, nella zona di rilevamento del CO ci si deve fermare e deve scendere dall auto solo il navigatore che consegnerà la tabella dei CO e dei CT (tabella che vi verrà consegnata alla linea di partenza della gara e dovrà essere conservata e restituita solo dopo aver tagliato il traguardo) al commissario di gara che scriverà su di essa l orario del vostro transito davanti a lui. Verrà poi restituita al navigatore che risalirà in auto e dovrà tenerla con cura. La perdita della tabella comporta l esclusione dalla gara. Nel caso degli orari presi come esempio il tempo giusto per effettuare il CO1 è dalle 15:32:00 alle 15:32:59, se lo effettuerete prima o dopo riceverete una penalità di 100 punti. Ogni CO è dotato di orologio digitale nel quale è possibile visualizzare l ora esatta. Entrata nel punto del CO Punto del CO e del commissario di gara (navigatore, macchina e pilota devono essere presenti assieme) Uscita dal punto del CO
  • Controllo Timbro (CT): I controlli timbro o CT sono dei controlli non sempre presenti nelle varie gare (solo quelle che superano i 200 km a volte ne hanno) che se presenti sono comunque obbligatori da eseguire e validi al fine della gara. Sono molto simili come funzionamento ai CO e differiscono soltanto per quanto riguarda il fattore tempo visto che i CT si eseguono senza dover osservare il minuto valido. Saltare un CT prevede la squalifica dalla gara e i timbri vengono posti dai commissari di gara sempre nella tabella dei CO e dei CT data alla partenza. Entrata nel punto del CT Punto del CT e del commissario di gara (navigatore, macchina e pilota devono essere presenti assieme) Uscita dal punto del CT
  • Esempio di alcune pagine di ROADBOOK
  • Esempio di Tabella dei CO e dei CT
  • Come faccio a capire quando la ruota passa sopra al pressostato? Premesso che non si possono avere strumenti o accessori esterni alla sagoma del veicolo per effettuare l inizio o la fine della prova (quali laser, telecamere, contatti sotto scocca o altri sistemi) e non ci si può sporgere con la testa fuori dal finestrino, pena una ammonizione da 300 punti, il regolamento prevede l uso di segni sui finestrini laterali di pilota e navigatore la cui somma su ogni lato non deve superare i 10 cm di lunghezza. Questi segni servono per capire esattamente dove è posto il tubo rispetto alla ruota. Schematizzando la cosa i segni appariranno così: Il navigatore dovrà quindi far partire il timer esattamente quando il tubo del pressostato (che per regolamento è di colore nero) sarà nello spazio vuoto tra i due segni rossi. La stessa cosa dovrà fare il pilota a fine prova, cioè allo 0 il pilota dovrà vedere il tubo esattamente nello spazio vuoto tra i due segni rossi. Essere meticolosi e precisi nel mettere i segni vale quasi il 50% del successo. Dei segni ben posizionati fanno la differenza tra la vittoria e la sconfitta. L installazione di dispositivi non autorizzati se visti dall organizzazione prevedono la squalifica dalla gara. Anche i concorrenti possono fare reclamo nel caso si accorgano dispositivi non autorizzati. Se il reclamo viene accettato sarete squalificati dalla gara e i costi di reclamo vi verranno addebitati (250 ).
  • Devo avere degli strumenti particolari e che materiale mi serve? La cosa migliore sarebbe avere una borsa (anche una da PC portatile usata va benissimo) nel quale all interno vengono conservati tutti i documenti necessari per effettuare le verifiche tecnico-sportive e un po di cancelleria: - Tessera ACI e licenza ACI sport - Certificato Medico in corso di validità - Penne, matite, evidenziatori colorati, pennarelli, gomma, scotch di carta e nastro isolante di vari colori, post-it, alcuni fogli bianchi - Cucitrice, forbice, cronometro classico (anche economico), cartellina con clip portacarte e luce navigatore - Guanti monouso (in caso di necessità) La strumentazione invece fa caso a se e dipende prima di tutto dal budget che si ha in mente di investire e secondariamente da quale risultato si sta cercando. Se un equipaggio è alle prime esperienze e vuole anche capire se la specialità gli piace o meno può usare tranquillamente un telefono cellulare in funzione Timer o un timer decontante digitale (detti anche conta pasta da cucina) con cui si possono fare dei buoni risultati (non certo da top 5 della classifica, ma certe soddisfazioni le danno). Se poi ci si vuole impegnare seriamente di strumenti ne esistono per tutte le tasche e di tutti i tipi, dai più economici CronoTimer che costano attorno ai 200 ai più onerosi Boras che possono arrivare full optional a oltre L importante è ricordarsi che la differenza principale la fa l affiatamento che si crea tra pilota e navigatore, e non lo strumento.
  • La vettura deve essere preparata? ASSOLUTAMENTE NO! Le vetture con cui si partecipa alle gare devono essere in regola con il C.d.S. quindi auto modificate e preparate non potrebbero nemmeno partecipare alle regolarità, visto che si circola con strade aperte al traffico. L unica deroga è ammessa per le auto storiche da rally o da gara che devono però essere accompagnate da fiche storiche contenenti tutti i dispositivi dell auto. Possono partecipare quindi tutti i tipi di vetture che saranno poi suddivise nella classifica in categorie o raggruppamenti in base all anno di immatricolazione. Le categorie sono le seguenti: 1 cat. dalle origini al cat. dal 1947 al cat. dal 1958 al cat. dal 1931 al cat. dal 1962 al cat. dal 1966 al cat. dal 1972 al cat. dal 1977 al cat. dal 1982 al cat. dal 1990 al cat. dal 2001 ad oggi Alcune gare di regolarità non ammettono auto moderne. Esistono però alcune gare in cui le auto moderne sono accettate con riserva di classifica, cioè possono partecipare, ma non entrano in classifica di premiazione. In altre gare si può leggere che le auto moderne possono partecipare solo se meritevoli di partecipare. Ciò significa che se mi iscrivo con una Lancia Y del 2003 difficilmente accetteranno la mia iscrizione, cosa diversa se posseggo una Peugeot 205 Rallye o una 500 Abarth.
  • Iscrizione ad una gara di regolarità, come devo fare? L iscrizione ad una gara di regolarità normalmente avviene compilando e inviando il modulo di iscrizione (gli organizzatori delle manifestazione rendono disponibili moduli e regolamenti di gara in internet in formato elettronico) seguito da copia del bonifico di pagamento della quota di partecipazione (finché non inviate il bonifico di pagamento, la vostra iscrizione non viene presa in carico). Prima di iscriversi bisogna leggere con moltissima attenzione il regolamento particolare di gara (RPG), in cui è descritto ogni particolare (quali auto che possono partecipare alla gara, lunghezza del percorso, numero di prove, costo della gara, punto di partenza, orario di verifiche tecniche e sportive, altri limiti, obblighi o diritti, nonché variazioni sul Regolamenti Nazionale). La mancata osservanza di tutte le norme scritte nel RPG può causare la non ammissione alla gara, l esclusione al termine o durante la gara, nonché la perdita della quota di partecipazione. Il costo delle varie gare non è fisso e varia in base alla lunghezza del percorso, al prestigio della gara, alla qualità offerta durante l ospitalità e da altri fattori dipendenti dagli organizzatori. Ci si attesta comunque tra i 100 e i 250, in base proprio ai fattori descritti sopra. Quando avrete fatto ciò sarete ufficialmente iscritti ad una gara di regolarità.
  • Consigli utili pre-gara e durante gara. Prima di partire da casa consigliamo di effettuare tutti i controlli necessari per sincerarsi dell affidabilità della vettura (soprattutto in caso di auto d epoca). E quindi buona abitudine controllare olio, liquido refrigerante, livelli generali, pastiglie dei freni, pressione degli pneumatici, luci e indicatori di direzione. Controllare organi di movimento e sterzo. Verificare l assenza di eventuali perdite e nel caso ripararle. E consigliato inoltre dotarsi di ruota di scorta, chiave a croce e crick idraulico da tenere in auto in caso di foratura. Consigliamo poi di verificare che tempo farà nel luogo di gara e sincerarsi delle condizioni meteo che si possono incontrare. Non è da escludere la possibilità di incontrare varie situazioni meteorologiche in una gara, soprattutto se di lungo kilometraggio o di molte ore visto che in questi casi gli spostamenti possono essere anche notevoli. Quindi se è caldo meglio portare con se abbondante acqua fresca in una borsa termica e magari dei teli da potersi sdraiare nell attesa della partenza all ombra, mentre se fa freddo meglio portarsi via delle giacche o dei giubbotti pesanti che riparino dal freddo quando si scende dall auto. Evitare grosse abbuffate prima e durante la gara, anche nel punto di ristoro a metà percorso previsto normalmente. Se si mangia molto prima della gara o durante si rischia di avere sonnolenza durante la guida e poca reattività durante le prove, il che porta ad essere meno precisi e quindi ad accumulare più penalità. Per sedare la fame meglio qualcosa di secco o un toast con prosciutto cotto. Evitare bibite zuccherine e gassate.
  • Cosa devo fare il giorno della gara? Il giorno della gara bisogna presentarsi in orario al punto descritto nel regolamento (orario e luogo sono descritti chiaramente), recarsi presso l ufficio dove si tengono le verifiche tecnico-sportive, comunicare al commissario di gara il proprio nome e cognome e consegnargli patente di guida, licenza ACI sport, certificato medico di sana e robusta costituzione, libretto dell auto e contrassegno di assicurazione (carta verde) riportante il numero di polizza e la scadenza. Verificati che i dati riportati nella scheda di iscrizione siano gli stessi dei documenti sopracitati il commissario vi restituirà tutti i documenti. Vi verrà assegnato un numero di gara e vi verranno consegnati n 3 adesivi col numero di gara da attaccare OBBLIGATORIAMENTE al veicolo, altre pubblicità (adesivi opzionali) da attaccare sul veicolo, il ROADBOOK con il percorso e un foglio (opzionale) con modifiche del ROADBOOK o del RPG avvenute in mattinata che non sono logicamente state stampate nel RADAR e aggiornate. Fatto questo segnatevi i tempi, controllate eventuali errori nel RADAR ed eventualmente segnalateli ad uno degli organizzatori, segnatevi le modifiche del foglio degli aggiornamenti nel caso ci fossero, iniziate a inserirvi i tempi sui cronometri e fate un rapido check della strumentazione e dell auto. La partenza della gara inizierà all ora descritta nel RPG con l auto 0 e da li ogni concorrente partirà con un minuto di distacco uno dall altro. Il foglio con l orario esatto della partenza del vostro equipaggio è posto alla partenza, vicino all orologio dell organizzazione. Arrivati al vostro turno (al vostro giusto orario, perché a volte potrebbe capitare che qualcuno non parte a causa di mille problemi) posizionatevi sulla linea del via dove vi verrà consegnata la tabella dei CO e CT che dovrà il navigatore conservare con cura fino a fine gara quando verrà riconsegnata all arrivo. Allo sbandierare della bandiera nazionale potrete partire per la vostra gara.
  • Come devo comportarmi durante la gara? Premesso che le strade sono aperte al traffico e ci si deve attenere scrupolosamente alle norme del C.d.S. vige sempre la regola del buon senso e del rispetto tra equipaggi. Durante la gara anche se sotto pressione e magari nervosi per le sorti della giornata bisogna mantenere un comportamento calmo e cauto, prestando attenzione soprattutto alla strada. Il navigatore ha l ingrato compito di far tenere i caldi spiriti corsaioli, tipici dei piloti, nei ranghi. Cosa devo fare all arrivo? Normalmente all arrivo si consegna la tabella dei CO e dei CT alla linea del traguardo, si parcheggia la vettura e ci si avvia per il pranzo o la cena. Al termine si prosegue con le premiazioni di merito. Le classifiche verranno esposte al termine dell arrivo di tutti i concorrenti e quando saranno sbrigate tutte le pratiche riguardanti i reclami (a volte per il numero cospicuo di reclami potrebbero volerci alcune ore) Auto storiche e auto moderne vengono premiate separatamente, vengono premiati per primi i primi 3 (a volte i 5) classificati della classifica generale,e poi i primi 3 di ogni raggruppamento. Seguono poi altre premiazioni per campionati interni, monomarca, o per campionati di più gare. Come tutte le discipline sportive la regolarità richiede costanza, allenamento e persuasione. Se alla prima gara non si conquista un buon risultato la migliore cosa è provare e riprovare finchè non si arriva all obiettivo che ci si prefigge. Mai demoralizzarsi per una sconfitta.